<
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Viaggi e Ricette

Viaggi e Ricette

travel local blog e food lover

Un itinerario nella valle Etrusca: la Valdichiana

Lo scorso weekend sono ritornata nella mia regione italiana preferita, dopo il Veneto ovviamente, la meravigliosa Toscana. Insieme ad amici abbiamo trascorso 2 giorni molto piacevoli nel cuore della Valdichiana. Quello che vi propongo è l’itinerario che abbiamo seguito il primo giorno, un susseguirsi di piccoli-medi borghi incantevoli di origine medievale.

L’itinerario ha inizio da Castiglion Fiorentino, dove abbiamo soggiornato; una classica colazione italiana con cornetto traboccante di crema e cappuccino all’Antico caffè la Posta, collocato in Piazza del Municipio, in pieno centro storico con una vista mozzafiato sulla Valle di Chio ci ha dato la carica giusta. Castiglion Fiorentino conserva quasi intatta la cinta muraria medievale dominata dalla Torre del Cassero, da cui si può godere un ampio panorama. Di notevole rilevanza in questo borgo è il Museo Civico Archeologico che permette un bel viaggio nella civiltà etrusca, comprende anche un percorso sotterraneo con la vista di uno scavo aperto. Mentre nella chiesa di San Francesco è ammirabile una pala vasariana con Madonna col Bambino fra i Santi Anna, Silvestro Papa e Francesco. Nella sommità del centro storico è da visitare anche la Pinacoteca Comunale

Un itinerario nella valle Etrusca: la Valdichiana

La seconda tappa è Monte San Savino, qui si può accedere dalla porta Fiorentina, progettata dal Vasari, che dà accesso a Corso Sangallo, l’arteria principale del paese e conduce all’opposta Porta Romana. In Corso Sangallo incontriamo la Loggia dei Mercanti, attribuita al Sansovino, con l’elegante porticato, di fronte è collocato il Palazzo Comunale che ha nel retro un bellissimo e curato giardino pensile. Pochi passi più avanti si trova la Chiesa di Sant’Agostino al cui interno si possono ammirare cicli di affreschi di Aretino e una Assunzione del Vasari. Annesso c’è un bel chiostro rinnovato dal Sansovino. Da vedere il Museo el Cassero che ospita una collezione di ceramiche e Maioliche dal Medioevo ad oggi. Passando in via Roma ci ha colpito un grazioso Ristorante che vi segnalo per la particolarità: Le Bindi Bottega di Cuoco, un tavolo unico ospita 22 commensali, la cucina è genuina e casalinga, tipica toscana. 

Monte San SavinoMonte San SavinoMonte San Savino
Monte San SavinoMonte San Savino

Monte San Savino

Il successivo borgo è Lucignano, rappresenta per il suo impianto a forma ellittica un esempio straordinario di architettura medievale. Il paese è famoso non solo per essere “l’anello concentrico della Toscana”, ma anche per il gioiello ospitato all’interno del Museo comunale, si tratta dell’Albero d’Oro detto anche Albero dell’Amore. Una scultura alta 260 cm finemente decorata in rame dorato, argento, corallo e miniature. Si narra che i novelli sposi si recavano al suo cospetto per chiedere felicità, fertilità e fedeltà. Oggi coppie di qualsiasi età visitano l’albero per rinnovare il loro patto d’amore; l’abbiamo fatto anche noi ;)

Lucignano
LucignanoLucignano

Lucignano

La quarta tappa, per noi, è stata Foiano della Chiana, ci siamo fermati in occasione della festa del ciambellino e vin santo, un viaggio alla scoperta degli antichi mestieri con il Mercato storico. È davvero un piccolo borghetto caratterizzato dal colore rosso del cotto con il quale sono costruiti la maggior parte degli edifici. Qui abbiamo trovato un ristorante eccezionale, l’Antica Dimora, collocato a pochi km dal centro. Un pranzo superlativo con piatti tipici toscani.  

Foiano della Chiana

Foiano della Chiana

Ultima fermata nell’affascinante Cortona, posta sulle pendici di un ardito contrafforte fu un importante capoluogo etrusco. A tal proposito per gli appassionati di storia ed archeologia non può mancare una visita al famoso MAEC (Museo dell’Accademia Etrusca e delle città di Cortona). Tantissimi poi i monumenti da vedere camminando per le piccole e ripide strade: il Palazzo Comunale e dirimpetto quello del Capitano del Popolo, il Museo Diocesano e di fronte la cattedrale in stile rinascimentale. Dalla parte opposta del centro storico, risalendo la collina sono da vedere la Basilica di Santa Margherita, il Santuario Francescano e la Fortezza del Girifalco che permettono un itinerario artistico-religioso ed una magnifica vista su tutta Cortona e la Valdichiana. A Cortona vi consiglio di mangiare al Fett’unta fiaschetteria per stuzzichini tipici toscani oppure per una cena completa al ristorante di fronte l’Osteria del Teatro. 

CortonaCortona
CortonaCortona

Cortona

Dove dormire: se cercate un alloggio abbastanza spartano, economico ma comodo, dotato di due camere matrimoniali, un piccolo bagno, un salotto ed una cucina abitabile con tutti gli attrezzi da cucina vi consiglio Le Antiche Scale a Castiglion Fiorentino.

Un itinerario nella valle Etrusca: la ValdichianaUn itinerario nella valle Etrusca: la Valdichiana
Un itinerario nella valle Etrusca: la ValdichianaUn itinerario nella valle Etrusca: la Valdichiana

Se pensate ad una fuga romantica in due la soluzione perfetta si trova a Cortona: Casa mia a Cortona è una piccola casetta autonoma dotata di angolo cottura, bagno e camera matrimoniale, restaurata recentemente, bellissima e curata in ogni dettaglio.

Un itinerario nella valle Etrusca: la ValdichianaUn itinerario nella valle Etrusca: la Valdichiana
Un itinerario nella valle Etrusca: la Valdichiana

Condividi post

Repost 0

Commenta il post