<
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Viaggi e Ricette

Viaggi e Ricette

travel local blog e food lover

Cinque giorni a Vienna

Come ogni anno, in primavera, scegliamo la meta della nostra vacanza estiva, ed è ormai noto che non si tratta di una località di mare o montagna ma di una città d’arte. Quest’anno è toccato a Vienna. L’idea in realtà era arrivata già a dicembre dell’anno scorso. In rete vedevo tantissime blogger che, in occasione dei famosi mercatini di Natale, si recavano a Vienna e grazie alle loro foto, hanno alimentato in me la curiosità di visitare questa città raffinata ed elegante. A dicembre ci sarebbe stato troppo freddo per girarla in lungo e in largo, meglio i 30° costanti che abbiamo beccato noi dal 16 al 20 agosto, senza mai pioggia per fortuna! (A Vienna nei mesi estivi le piogge sono molto frequenti).

 

Cinque giorni a Vienna

Vienna mi è piaciuta davvero tanto, più delle mie aspettative. La consiglierei a chiunque, coppie, famiglie, amici. Non solo per quello che offre (tantissimo e per tutti i gusti), si tratta di un vero e proprio museo a cielo aperto! La capitale austriaca mi ha colpita per la sua tranquillità, un luogo a misura d’uomo, dove la maggior parte delle persone non usa la macchina per spostarsi in centro ma cammina o ti sfreccia accanto, nelle apposite piste ciclabili, in bicicletta o col monopattino. La metro è sicurissima e pulitissima e non ci sono barriere per il passaggio. L’ospitalità e la gentilezza dei Viennesi è da invidiare, almeno quella che abbiamo ricevuto noi in hotel, nei ristoranti e all’ingresso dei musei. La pulizia generale della città è fenomenale. La cucina viennese è ipercalorica ma buonissima. I semafori pedonali sono amorevoli. Sarebbe lungo l’elenco degli aspetti positivi ma ora vi parlo di cosa sono riuscita a vedere in cinque giorni a Vienna.

Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna

I castelli del Belvedere, il Belvedere Superiore (noi abbiamo visitato internamente solo questo) ed il Belvedere Inferiore, sono stati costruiti nel diciottesimo secolo come residenza estiva del principe Eugenio di Savoia. Il complesso dagli ampi giardini, visitabili gratuitamente, è uno dei più begli esempi del barocco in tutto il mondo. Il Belvedere Superiore ospita una collezione d’arte austriaca unica, va dal Medioevo ai giorni nostri. Ma il fulcro d’interesse è la raccolta, più grande al mondo, delle opere d’arte di Gustav klimt, come Il bacio e Giuditta. Ho trovato molto simpatico il fatto che nella saletta accanto alla stanza dove si trovano le meravigliose opere di Klimt abbiano realizzato una copia del bacio chiamandola “selfie point” dove poter scattare liberamente le proprie foto. Il Belvedere Inferiore è degno di nota per il lusso degli appartamenti e delle sale di rappresentanza usati dal principe. Il biglietto d’ingresso per il Belvedere Superiore costa 14€.

Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna

Di prima mattina con l’aria ancora fresca che ti accarezza la pelle abbiamo iniziato la nostra passeggiata (circa 5 km) del più bel viale del mondo: la Ringstrasse. Percorrere questo viale è l’occasione per toccare con mano la storia di Vienna. Lungo il suo percorso s’incontrano gli edifici più importanti della città: l’Opera di Stato, l’Hofburg, Il Kunsthistorisches Museum, il Museo di Storia naturale, il Parlamento, il Municipio, il Burgtheater, l’Università di Vienna, la Chiesa Votiva, l’ex Palazzo della Borsa, il Grattacielo Ringturm, l’Osservatorio Urania, l’ex Ministero della Guerra, la Cassa di Risparmio Postale ed il MAK. Nel pomeriggio abbiamo visitato la bellissima Karl Kirche, l’Augustine Kirche che all’interno conserva la meravigliosa opera funeraria di Maria Teresa d’Austria realizzata dal Canova e il Kunsthistorisches Museum (15€) che ospita inestimabili tesori d’arte come quelli di Durer, Rubens, Klimt, Tiziano Vecellio, Parmigianino, Raffaello, Giovanni Bellini, Arcimboldo, Caravaggio, Canaletto, Cellini e tanti altri.

Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna

Per visitare il castello di Shonbrunn ci siamo presi una giornata a disposizione. Si trova a diversi km fuori dalla città e ci si arriva con la metro linea verde fino alla fermata omonima. Di Shonbrunn ve ne parlerò in un post dedicato perché è un luogo incantevole, una piccola Versailles, spettacolari gli interni del castello ed ancor più i giardini, le numerose fontane e la Gloriette, una terrazza panoramica, dove si può ammirare una veduta mozzafiato della città. Per accedere a Shonbrunn ci sono diversi tipi d’ingresso in base a quello che si vuole visitare, noi abbiamo scelto il Classic pass (21,60€ a testa) con il quale accedere alla visita delle 40 stanze del castello con audioguida, al giardino del principe, al giardino dell’Orangerie, alla Gloriette e al labirinto.

Cinque giorni a Vienna

Il penultimo giorno abbiamo visitato il Duomo di Santo Stefano, il monumento simbolo di Vienna, il più importante monumento gotico dell’Austria. Noi abbiamo visto solo l’interno ma si può salire alla torre sud tramite una scalinata di 343 gradini e godere di una vista sconfinata sulla città, visitare il tesoro del Duomo e le catacombe e salire nella torre nord dove si trova la Pummerin, la campana più famosa del Duomo, si tratta della campana più grande dell’Austria e una delle campane oscillanti più grandi d’Europa.

Cinque giorni a Vienna

Ci siamo diretti poi verso le Hundertwasserhaus, sono case popolari realizzate nel 1986. L’artista – architetto qui ha voluto infondere allegria e gioia di vivere ai 50 appartamenti delle persone meno abbienti della città. Non servono tante parole, può piacere o meno, io lo trovo un quartiere adorabile! Osservate le foto… che ne pensate?

Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna

Per pranzo ci siamo fermati al Prater, il parco divertimenti più grande della nazione, aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 24.00 e liberamente accessibile. Bellissimo ammirare l’affascinante ruota panoramica costruita nel 1895 ed ancora oggi funzionante. Qui trovate la cucina viennese o specialità internazionali.

Cinque giorni a Vienna

Invece di salire sulla ruota panoramica (9€) abbiamo preferito recarci alla Torre del Danubio o Donauturm (7,90€) collocata nel verdissimo Donaupark. Ad un’altezza di 150 metri, tramite ascensore, si arriva alla terrazza panoramica per ammirare dall’alto tutta la capitale austriaca. Abbiamo scorto ad occhio nudo anche Shonbrunn che si trova sul lato opposto a diversi km dalla città. Per concludere ottimamente la giornata ci siamo fati una bella passeggiata lungo il Danubio, ricco di chioschetti e ristorantini.

Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna
Cinque giorni a Vienna

L’ultimo giorno, avendo l’aereo nel tardo pomeriggio, siamo riusciti a visitare altre bellissime attrattive: il Volksgarten che è il giardino delle rose, ce ne sono tantissime anche ad agosto! Qui si trova anche una bella copia di un tempio greco, il Tempio di Teseo. Non dimenticatevi di ammirare il monumento ad Elisabetta (la principessa Sissi).

Cinque giorni a Vienna

Il Globe Museum (4€) situato all’interno del Palazzo Mollard, si tratta dell’unico museo dei Mappamondi al mondo. Non vi dico la mia gioia in mezzo a tutti questi globi, alcuni davvero grandissimi!

Cinque giorni a Vienna

Ed infine la stupefacente Prunksaal (7€), la Sala Sfarzosa della Biblioteca Nazionale Austriaca, considerata una delle più belle biblioteche storiche del Mondo.

Cinque giorni a Vienna

INFO UTILI: - Non abbiamo acquistato la Vienna Card, per gli sconti che dà e per dove volevamo entrare noi non l’abbiamo considerata vantaggiosa.

- Le 4 notti di soggiorno con colazione sono state al Clima CityHotel un tre stelle grazioso ed economico collocato vicino alle ambasciate e al Belvedere, comodissimo per raggiungere il centro città con la metro a 5 minuti di cammino.

- Il mezzo di trasporto scelto è stato l’aereo, un volo perfetto di circa 1 ora da Venezia con Austrian Airlines. Dall’aeroporto al centro città si arriva in 16 minuti con il CAT, il biglietto andata e ritorno costa 19€.

- Abbiamo fatto l’abbonamento settimanale per la metro con 16€ a testa.

- Abbiamo mangiato divinamente al Sperl, in via Karolinengasse 13, con la wienershnitzel, la famosa cotoletta viennese. Al Salm Brau, in via Rennweg 8, con gulash per lui e schweinebraten (arrosto di maiale) per me. Al Prater nel ristorantino di fianco alla ruota panoramica (non ricordo il nome) e non poteva mancare l’assaggio dell’originale e unica torta sacher da Demel in via Philharmonike 4.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post