<
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Viaggi e Ricette

Viaggi e Ricette

travel local blog e food lover

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

Collocato sulle prime alture della Val D’Arda, Castell’Arquato è un borgo medievale di rara bellezza. Un gioiello d’arte e architettura medioevale, suggestivo come pochi al mondo. Si trova in provincia di Piacenza, esattamente a 30 km dalla città, in Emilia Romagna. Castell’Arquato è bandiera arancione del Touring Club Italiano, inserito nella lista dei Borghi più belli d’Italia e fregiato pure della classifica “città del vino”. L’immagine medievale del borgo è diventata famosa grazie al successo del film fantasy Ladyhawke. A Castell’Arquato son state girate varie scene del film, oltre che a Soncino, come vi avevo già raccontato.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

Di grande impatto scenografico, sia visto da lontano che passeggiando tra le sue viuzze, ciò che attira di più del borgo rimane il suo centro monumentale. In Piazza del Municipio, sita al culmine della collina, si ergono da sempre gli edifici principali: la Colleggiata, il Palazzo del Podestà, il Palazzo del Comune e la Rocca Viscontea. Dalla Piazza Alta è imperdibile una vista mozzafiato sulla media e alta valle dell’Arda.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato
Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato
Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

La Colleggiata, dedicata a Santa Maria Assunta, è uno dei più alti esempi di architettura romanica della Provincia. La prima costruzione risale al 758. Nel 1117 la pieve originaria fu gravemente danneggiata da un violento terremoto ma nel 1122 fu consacrata la nuova edificazione. Il campanile invece risale al XIV secolo. La facciata, che si volge su una suggestiva piazzetta, è composta da arenaria scandita da lesene. Sopra al severo portale con arco a tutto sesto si trovano delle piccole finestrelle e verso la sommità, una piccola bifora. Le absidi della Colleggiata, che si affacciano al centro della Piazza Alta, sono uno splendido esempio delle maestranze del tempo. L’interno è molto semplice ed austero, suddiviso in tre navate, separate da colonne in arenaria. Da annoverare per bellezza ed importanza il trecentesco Portico del Paradiso, i capitelli istoriati, le lastre di pulpito e altare e il grande crocifisso ligneo che domina l’altare. Da vedere assolutamente altri tre gioielli, ospitati sempre all’interno della Collegiata: l’antico battistero con vasca monolitica dell’VIII secolo per il battesimo a immersione, la Cappella di Santa Caterina con i suoi splendidi affreschi quattrocenteschi e la Cappella di San Giuseppe, datata 1630, di gusto barocco, caratterizzata da abbondanza di marmi, stucchi e statue.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato
Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato
Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato
Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato
Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

Il Palazzo del Podestà fu realizzato nel 1293, solo il corpo centrale, l’ampliamento avvenne tra il XIV e il XV secolo con l’aggiunta della doppia loggia e la scalinata coperta. Il Palazzo, a tre piani, è interamente in cotto. L’edificio era il fulcro delle attività giudiziarie, amministrative e di rappresentanza del borgo.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

La Rocca Viscontea fu voluta dal Comune di Piacenza, poi ultimata e rinforzata da Luchino Visconti nel 1347. Si tratta di un’imponente costruzione in laterizio, dalla funzione difensiva e un ottimo punto strategico di osservazione del territorio circostante dalle sue alte torri merlate. La rocca ha una singolare forma a L ed è composta da due cinte rettangolari. La parte principale del fortilizio era considerato il mastio, costruito a scopi esclusivamente militari. All’interno della rocca è stato allestito un interessante museo di vita medievale (costo del biglietto 3,50 €). Il museo documenta la vita e la società dell’uomo del Medioevo.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

Passeggiando per Castell’Arquato si possono scoprire tantissimi altri tesori inestimabili. A Sud della Rocca, ad esempio, passando dal giardino dedicato a Giovanni Paolo II, s’incontra la bella Fontana esagonale eseguita su progetto di Manfredo Manfredi, nel 1913.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

Percorrendo la strada che dalla piazza monumentale si snoda sino alla porta Monteguzzo, s’incontrano il Palazzo del Duca costruito nel 1292, qui vi soggiornò papa Paolo III Farnese nel cinquecento, la fontana del Duca, posta sotto la facciata del palazzo, ed il torrione del Duca, noto come torrione Farnese, è uno dei rari edifici di stile rinascimentale del borgo. Si possono inoltre visitare altri musei, per chi fosse interessato al genere: il museo della Collegiata, il museo geologico “Cortesi” e la casa-museo “Luigi Illica”.

Il borgo medievale più bello del piacentino: Castell’Arquato

Curiosità: 8 milioni di anni fa il borgo era occupato da un grande mare, per questo a Castell’Arquato si trovano tanti reperti fossili. Conchiglie fossili sono addirittura presenti nella pietra che compone la muratura della facciata della Collegiata.

Enogastronomia: la gastronomia locale sa incantare anche i palati più esigenti e raffinati. Da non perdere i salumi del territorio (in particolare la coppa). La cucina propone come primo i famosi pisarei fasò o ravioli in brodo. Si continua poi con la zampa del maiale o la faraona. Il dolce tipico è la sbrisolona. Le colline arquatesi producono ottimi vini, sia rossi (Gotturnio e Bonarda) di cui ho fatto scorta :-) che bianchi (Ortrugo e Monterosso).

Condividi post

Repost 0

Commenta il post