<
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Viaggi e Ricette

Viaggi e Ricette

travel local blog e food lover

Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto

Il fascino di Spoleto è dato dal suo patrimonio artistico e monumentale, dalla stratificazione storica e culturale che inizia ancor prima della conquista da parte dei Romani, e dal rapporto con la meravigliosa natura circostante. Già da lontano Spoleto appare su un colle a dominare la valle umbra, posata a mezz’aria tra gli ulivi ed il verde scuro della montagna. Se passate in giornata, ecco cosa vedere a Spoleto, uno splendido gioiellino umbro.

La Rocca Albornoziana: la maestosa costruzione si trova in cima alla collina, alta 453 metri, si può salire tranquillamente con il percorso meccanizzato fino a Piazza Campello, e poi prendere l’ascensore che sale alla fortezza. La fortezza doveva essere un simbolo del dominio papale, per questo fu commissionata al grande architetto Gattapone. Egli, negli anni sessanta del XIV secolo, progettò una poderosa fabbrica rettangolare con sei torrioni, divisa in due quadrati da un imponente braccio traverso, si tratta del Cortile delle Armi a nord e del Cortile d’Onore a sud. Fu arricchita da preziosi affreschi e stemmi. Divenne successivamente prigione dello Stato Pontificio. Oggi al suo interno si trova il Museo nazionale del Ducato. I recenti lavori di restauro hanno consentito il recupero della cosiddetta “Camera pinta”, all’interno della torre maestra, affrescata con scene di soggetto cortese e cavalleresco.

Per chi ama il trekking non può perdersi il Giro della Rocca ed il Giro dei Condotti. La prima è una passeggiata di circa 1 km, intorno alla fortezza. L’itinerario parte da Piazza Campello, sale per la via del Ponte, per raggiungere prima uno splendido punto panoramico sul Monteluco e poi il ponte delle Torri. Il Giro dei Condotti invece è una passeggiata più impegnativa, costeggia la base del Monteluco e arriva nella città bassa sfiorando grotte eremitiche e regalando vedute mozzafiato sulla valle del torrente Tessino.

Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto
Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto

Il Ponte delle Torri: un’opera di fortissimo impatto. Fu costruito alla fine del XIII secolo per condurre l’acqua dal Monteluco alla città di Spoleto. Alto 76 metri e lungo 230, con i suoi 9 piloni collegati da dieci arcate è un vero gigante che domina la valle. Lo si può percorrere a piedi, congiunge i piedi della fortezza al Monteluco.

Il Duomo: è dedicato all’Assunta. Lo stile è romanico, presenta una grande rosa centrale sulla facciata, e più sopra un bel mosaico bizantineggiante. L’elegante portico rinascimentale ed il portale immettono in un interno ricco di capolavori. Non perdete la bellissima cappella Eroli affrescata dal Pinturicchio, la cappella dell’Assunta, la Cappella della Santissima Icona e la Cappella delle Reliquie.

Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto
Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto

La Casa romana: è situata sotto una parte del Palazzo Comunale. Era una ricca dimora affacciata sul foro, si ritiene appartenuta a Vespasia Polla, madre di Vespasiano. Meravigliosi i resti dei mosaici ed il cortiletto interno, merita davvero una visita per catapultarsi nell’antico e grandioso mondo romano.

 

Vedi le altre tappe del mio viaggio:

Gubbio

Assisi

Perugia

Todi

Orvieto

Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto
Ultima tappa del mio viaggio in Umbria: cosa vedere a Spoleto

Condividi post

Repost 0

Commenta il post