<
Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Viaggi e Ricette

Viaggi e Ricette

travel local blog e food lover

Parigi: ecco cosa vale un viaggio nella Ville Lumière

Una delle città più romantiche al mondo, con i suoi viali alberati, meravigliosi giardini, monumenti di fama mondiale e localini tipici, Parigi saprà incantarvi in qualunque stagione. Ci sono stata una settimana l’estate scorsa, per la prima volta, dopo averla ben studiata ed aver organizzato un piano di viaggio ben preciso. Ci sono così tante cose da fare a Parigi che ci si potrebbe perdere. Voglio quindi provare a condividere quello per cui vale davvero un viaggio nella Ville Lumière.

veduta di Parigi dalla Tour Eiffel

veduta di Parigi dalla Tour Eiffel

La prima cosa che ho visto a Parigi è stata Montmartre, sembra davvero un piccolo borgo a sé stante, un gioiellino che guarda la città dall’alto. Famoso per essere il quartiere degli artisti, attirati qui grazie al fascino fiabesco, alle vie e piazze pittoresche. Montmartre merita una passeggiata senza meta e non perdete la visita all’incantevole Basilique du Sacré-Coeur con le sue cupole bianchissime e la visuale mozzafiato su Parigi.

Sacré-Coeur

Sacré-Coeur

Non si può pensare ad un viaggio a Parigi senza entrare almeno in un museo, ce ne sono davvero per tutti gusti. Durante il mio viaggio sono entrata al Louvre e al D’Orsay.

Louvre

Louvre

Sapete immaginarvi Parigi senza il suo elemento più emblematico? Senza la Tour Eiffel che svetta all’orizzonte? Non credo, perciò godetevela e salite fino in cima grazie agli ascensori o per i più impavidi tramite le scale (vi suggerisco di risparmiare tempo acquistando i biglietti in anticipo online ed evitare così ore di attesa). Dalla sua sommità si può abbracciare con lo sguardo il paesaggio fino ad un raggio di 60 km. Non scordate di ammirare la fantastica illuminazione serale della torre, allo scoccare di ogni ora parte un’illuminazione fantastica della durata di 5 minuti.

Tour Eiffel

Tour Eiffel

Un modo per conoscere Parigi ed avere un’infarinatura generale di ciò che vi aspetta è la romanticissima crociera sulla Senna. Utilissima da fare all’inizio del vostro viaggio per scoprire dall’acqua le meraviglie della città. Diverse sono le compagnie di navigazione, io ho provato il Bateaux Mouches e mi è piaciuto moltissimo, dagli altoparlanti dell’imbarcazione una voce guida, in varie lingue (compreso l’italiano), vi illustrerà i punti di maggiore interesse che via via s’incontreranno.

Bateaux Mouches

Bateaux Mouches

Imperdibile una bella passeggiata e perché no un pic-nic ai Jardins des Tuelleries dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, sono un luogo incantevole. Da Place de la Concorde attraversateli completamente fino a giungere all’ Arc de Triomphe du Carrousel. Rimanendo in tema giardini da vedere assolutamente i Jardins du Trocadéro, con la spettacolare fontana di Varsavia, collocati di fronte alla Tour Eiffel.

Jardins de Tuelleries

Jardins de Tuelleries

Un altro monumento celebre e simbolo di Parigi è l’Arc de Triomphe, dall’arco si diramano a raggiera ben 12 corsi ma il più noto in assoluto è quello degli Champs-Elysèes. Quest’area è senza ombra di dubbio l’apoteosi dello sfarzo e della grandeur parisienne.

Arc de Triomphe

Arc de Triomphe

Non può mancare una visita alla celebre cattedrale di Parigi, Notre-Dame. L’imponente cattedrale è un capolavoro del gotico francese, colpisce i visitatori per le sue straordinarie dimensioni, inoltre bellissimi i tre sorprendenti rosoni ed al suo interno custodisce il Trésor che contiene varie reliquie tra cui la Santa Corona (la corona di spine posta sul capo di Cristo), è esposta al pubblico il primo venerdì del mese dalle 15 alle 16. A poche centinaia di metri da Notre-Dame si trova la Sainte Chapelle, una splendida cappella dalle vetrate policrome, il costo del biglietto non è economico ma ne vale la pena.

Notre-Dame

Notre-Dame

Sainte Chapelle

Sainte Chapelle

Vale sicuramente il viaggio fare una passeggiata lungo il Canal St-Martin che si snoda nei quartieri a nord di Parigi. Qui potrete godervi il paesaggio fluviale e l’atmosfera rilassata del luogo, poco battuta dai turisti ma così tipicamente parigina. Dopo la passeggiata lungo il Canal St-Martin potete combinare la visita al Père Lachaise, il cimitero più visitato al mondo. Procuratevi una cartina pubblicata sul sito web o distribuita gratuitamente dal bureau de conservation (16 Rue Repos, 20e) e cercate le tombe di grande prestigio di illustri poeti, artisti, cantanti, filosofi, politici, principi e principesse.

Père Lachaise

Père Lachaise

Parigi: ecco cosa vale un viaggio nella Ville Lumière

In ultimo vi consiglio di trovare tempo anche prolungando il vostro soggiorno a Parigi di un giorno, perché a circa una ventina di km fuori città troverete l’apoteosi dello sfarzo, l’incantevole Chateau de Versailles. Un immenso castello barocco voluto da Luigi XIV. Patrimonio dell’Umanità UNESCO, la reggia è circondata da giardini abbelliti da fontane, parchi, boschi e laghetti. All’interno del Castello, la Galleria degli Specchi vi lascerà senza parole. Se arrivate al mattino, come ho fatto io, entrate prima nei magnifici giardini, sono ad ingresso gratuito e gustateveli con comodo, potrete noleggiare una golf car, prendere il trenino, una bicicletta, una canoa; ricordate che fino alle 13 circa le code per l’ingresso al castello sono chilometriche e non vale la pena attendere delle ore quando al pomeriggio potrete entrare senza alcuna difficoltà.  

Versailles

Versailles

Versailles

Versailles

Informazioni pratiche: Per vedere tutto ciò che ho descritto vi serviranno almeno 5 giorni pieni. Comprate i biglietti d’ingresso per musei e monumenti in anticipo, online oppure presso le biglietterie delle principali stazioni della RER. Per muovervi con la metro fate un abbonamento di almeno 10 carnet o meglio ancora la Paris Visite, i pass sono divisi per giorni (1,2,3 o 5 gg consecutivi) e per zone 1-3 ed 1-5. Per quanto riguarda l’alloggio posso consigliarvi di guardare tra questi hotel economici ma affidabili.

Condividi post

Repost 0

Commenta il post